Green Pass rafforzato, il duro post sui social di Giorgia Meloni

Giorgia Meloni sui social ribadisce la sua posizione sul Green Pass rafforzato e attacca duramente la maggioranza guidata dal premier Draghi.

Giorgia Meloni
Giorgia Meloni contro il Green Pass rafforzato © Ansa

No di Fratelli d’Italia all’estensione Green Pass rafforzato. Giorgia Meloni con un post sui social ha ribadito la propria contrarietà di utilizzare la certificazione verde vaccinale anche per le categorie di lavoratori a contatto con il pubblico.

LEGGI ANCHE <<< Cassino: donna positiva al Covid va al supermercato e incontra il medico

Invece di fare mea culpa e chiedere scusa ai cittadini – si legge sul suo profilo Facebook della presidente di FdI – esecutivo, Cts e stampa continuano sulla strada della repressione delle libertà con l’estensione del Green Pass, scegliendo di colpire i settori che sono più odiati dalla sinistra come quelli della ristorazione, del turismo (alberghi) e sportivi (piscine e palestre) […]“.

Super Green Pass per i lavoratori da gennaio?

Super Green Pass
A gennaio il Super Green Pass sarà esteso ai lavoratori? © Ansa

Super Green Pass per i lavoratori che potrebbe essere approvato nei primi giorni di gennaio. Il premier Draghi e il ministro Brunetta, sostenuti anche da Speranza e dal Partito Democratico, speravano di arrivare ad un via libera già nella giornata di ieri, ma il muro alzato da Lega e da M5s ha portato il presidente del Consiglio a rinviare tutto al nuovo anno per non rischiare di rompere ancora di più la maggioranza.

LEGGI ANCHE <<< Super Green Pass per lavoratori, Giorgetti dubbioso: “Non solo noi…”

Inutile negare che le posizioni all’interno dell’esecutivo sono diverse e non sarà per nulla semplice arrivare ad un compromesso. Il premier Draghi userà questi giorni per provare ad un accordo con i partiti e cercare di dare il via libera alla misura entro il 5 gennaio, ma sul tavolo di Palazzo Chigi c’è anche un’altra carta che potrebbe mettere d’accordo le forze politiche: l’obbligo vaccinale per tutti.

Una possibilità che lo stesso presidente del Consiglio non ha mai voluto escludere e che potrebbe tirare fuori al prossimo Cdm per evitare ulteriori rinvii oppure spaccature all’interno di esecutivo in un periodo che si preannuncia fondamentale visto che c’è in programma l’elezione del nuovo Capo dello Stato.