Eternals, Cholé Zhao dichiara: “Il finale doveva essere più triste”

Eternals avrebbe dovuto avere un finale diverso, troppo malinconico e triste per l’abituale clientela dell’universo Marvel.

Nonostante sia tutt’ora considerato un film atipico rispetto alle consuete tematiche dell’MCU (Marvel Cinematic Universe), Eternals sarebbe potuto essere ancor meno adatto ai gusti dei fan Marvel. A comunicarlo la stessa regista Chloé Zhao che, durante un’intervista ad Empire, ha svelato quale fosse il vero finale del cinecomic, prima di essere adeguato alle esigenze produttive: 

“Non ho mai girato un film in cui il finale fosse quello che avevo scritto – ha detto nell’intervista – Lo trovi nel montaggio, è un terzo del processo filmico, e quando lo mostri alle persone quello è il momento in cui trovi il finale. Non penso di aver mai fatto un solo film in cui l’inizio e la fine sono uguali nello script, perché le scene sono fluide mentre le giriamo. Abbiamo anzi girato un altro finale che era molto triste. Tristissimo. Non lo odiavo, perché sono abituata a film melanconici, Ma non penso sia andato giù bene al pubblico. Doveva finire con tutti quanti di nuovo sull’astronave, le menti cancellate e via verso un nuovo pianeta, come in The Twilight Zone. Ricordo che quando è diventato lo schermo è diventato nero, tutti erano tipo ‘Non so che cosa fare’. E inoltre, è l’MCU, vuoi essere in fibrillazione per quello che viene dopo.”

LEGGI ANCHE > Lutto nel cinema: morto Renato Scarpa, il ‘Robertino’ di ‘Ricomincio da Tre’

L’epilogo descritto dalla regista di Nomadland appare, effettivamente, fin troppo estremo, risultando poco compatibile con il grande disegno nel quale è inserito. Per garantire un trasporto emotivo degli spettatori e di conseguenza le sale piene per il secondo capitolo, è necessario un percorso drammaturgico dotato di una catarsi e di un collegamento diretto con il film precedente. Elementi che possono sembrare superficiali e penalizzanti per la singola pellicola, ma che sono inevitabili nell’economia di un progetto editoriale di tale portata. Oltretutto il risultato finale risulta ben scritto e dotato di molteplici spunti riflessivi, mantenendo invariato il complesso messaggio di Eternals.