Giornalisti Rai in sciopero, il botta e risposta tra sindacato e azienda

Giornalisti Rai in sciopero per protestare contro alcune decisioni prese negli ultimi mesi dai vertici aziendali.

Rai sciopero
Giornalisti Rai in sciopero, ecco il motivo © Ansa

Giornalisti Rai in sciopero mercoledì 29 dicembre 2021. Come annunciato da un comunicato pubblicato nei giorni scorsi, i lavoratori di viale Mazzini hanno deciso di aderire a questa agitazione per protestare contro la decisione dei vertici aziendali di togliere dalla programmazione l’informazione regionale e quella sportiva notturna.

LEGGI ANCHE <<< Caso Varriale, la versione dell’ex vicedirettore di Rai Sport

Una dimostrazione che ha come obiettivo quello di far capire ai vertici di viale Mazzini che il metodo da seguire per dare una informazione più moderna e vicina ai cittadini non è quella di ridurre il servizio, ma cercare di eliminare gli sprechi e di conseguenza risparmiare su appalti e contratti strapagati. Sciopero che ha portato i telegiornali ad andare in onda in forma diretta e molte trasmissioni a non essere inserito nel palinsesto. La situazione dovrebbe tornare alla normalità nella giornata di giovedì 30 dicembre 2021.

La replica della Rai

Rai
La replica della Rai al comunicato dei sindacati sullo sciopero © Ansa

Al comunicato pubblicato dal sindacato per spiegare le ragioni dello sciopero, i vertici aziendali hanno replicato con una nota sempre riportata dal sito di viale Mazzini. Nel documento è precisato come “la Rai è impegnata a rinnovarsi in anni di rivoluzione tecnologica e difficoltà economiche per tanti cittadini. Farlo significa anche razionalizzare sempre meglio i fondi a disposizione […]“.

Le misure messe in atto o che saranno attuate nei prossimi mesi – è ancora precisato nel comunicato – hanno come obiettivo quello di aumentare la qualità dell’informazione e non ridurla […]. Come Rai stiamo assumendo 90 giornalisti e le recenti nomine di direttori hanno riguardato risorse interne. Inoltre, nei giorni scorsi abbiamo messo online il nuovo sito che raccoglie e arricchisce i servizi giornalistici di tutte le testate dell’azienda“.

LEGGI ANCHE <<< Romania, parla l’inviata Rai sequestrata da senatrice no-vax: “Ci hanno aggrediti”

Comunicato che sembra confermare la posizione dell’azienda e non sono previsti, nonostante lo sciopero deciso dai giornalisti, passi indietro sul telegiornale sportivo della notte e i tg regionali che sono stati tolti dal palinsesto.