Super Green Pass e Capodanno, la circolare del Viminale

E’ stata pubblicata la circolare del Viminale sul Super Green Pass e le festività di Capodanno. Ecco tutte le precisazioni.

Super Green Pass Viminale
La circolare del Viminale sul Super Green Pass e sul Capodanno © Ansa

Una circolare del Viminale per chiarire le regole del Super Green Pass e chiedere maggiori controlli in vista delle festività di Capodanno. La ministra Lamorgese nella giornata di mercoledì 29 dicembre 2021 ha inviato un documento ai prefetti in vista del prossimo weekend e, soprattutto, per provare a definire meglio le norme previste con il decreto Festività.

LEGGI ANCHE <<< Decreto Natale 2021, dal 25 dicembre le nuove misure: tutto quello che serve sapere

Nel documento, come detto, sono ricordate tutte le regole inserite nel provvedimento approvato per contrastare la risalita dei contagi. E’ presente, inoltre, un invito a rafforzare i controlli in vista del prossimo Capodanno. L’obiettivo da parte del Viminale è quello di evitare tutti gli assembramenti e interrompere sul nascere qualsiasi festa clandestina, che potrebbe essere organizzata dopo la chiusura delle discoteche fino al prossimo 31 gennaio.

Il Viminale sul Super Green Pass

Super Green Pass
La circolare del Viminale sul Super Green Pass © Ansa

Documento utile a chiarire anche le regole del Super Green Pass. Il Viminale ha ricordato che c’è bisogno della certificazione verde ottenuta dal vaccinato per centri sportivi e centri benessere al chiuso, ma anche per parchi tematici, centri termali e musei. Gli unici esclusi da questa norma sono i ragazzi inferiore ai 12 anni e tutti i soggetti che sono esenti dalla somministrazione.

Sempre in questa circolare è stato precisato come nei bar e nei ristoranti al chiuso i vaccinati o i guariti dal Covid possono entrare solamente per il servizio d’asporto. Per consumare cibo o bevande in questi luoghi c’è bisogno della vaccinazione.

LEGGI ANCHE <<< Covid, nuove regole per i ristoranti: cosa prevede il decreto

Non cambiano, almeno per il momento, le regole riguardanti alberghi, mense aziendali e i servizi di catering. Queste potranno servire anche i clienti in possesso del Green Pass base, quello da tampone. Ma si tratta di una regola che potrebbe cambiare visto che non si esclude la possibilità di inserire l’obbligo vaccinale anche al lavoro. Provvedimento che potrebbe portare a delle modifiche importati anche in questi luoghi.