Inps, riscatto laurea agevolato: come fare

Il servizio per il riscatto della laurea si trova sul sito web Inps, ed è abbastanza semplice da utilizzare. Scopriamo insieme come.

Laurea
Laurea ©Getty Images

Per fare domanda rispetto al riscatto di laurea agevolato, basta recarsi sul sito web dell’Inps. Se il corso legale di laurea da te svolto si colloca in un periodo che si valuti con sistema retributivo di calcolo pensionistico, l’onere del riscatto si calcola con la riserva matematica. Se il corso di laurea di colloca in un periodo con il sistema contributivo, puoi utilizzare il sistema percentuale o il sistema forfettario-agevolato. Tale sistema equivale a un costo di 5.264,49 euro da riscattare. Se devi comunque calcolare il periodo con sistema retributivo, puoi comunque usare il sistema forfettario-agevolato. Questo se opti per una delle quattro facoltà che prevedono il calcolo contributivo della pensione: opzione donna, opzione al contributivo, totalizzazione o computo presso la gestione separata.

LEGGI ANCHE >>> Spid, svolta inaspettata di Poste Italiane: è polemica

La domanda di riscatto può essere inviata: attraverso il sito web dell’Inps, tramite il call center dell’Inps, tramite un patronato. Se decidi di inviarla tramite il sito dell’Inps, devi accedere al portale web dell’Istituto, seguendo il seguente percorso. “Prestazioni e servizi”; “Servizi”; “Portale riscatti-ricongiunzioni”. Dopo esserti autenticato, vai su “Home page riscatti”. Quando ti trovi sulla pagina indicata, vai su “Nuova domanda di riscatto”. Arrivati a questo punto, il sito ti chiederà di inserire: i tuoi dati anagrafici; la gestione previdenziale alla quale sei iscritto; il tipo di riscatto per il quale stai facendo richiesta. Devi dunque compilare le varie sezioni della richiesta, inserendo i vari dati necessari affinché tu possa proseguire. Tramite la funzione “Riepilogo e invio”, dopo aver inserito i dati, puoi ricontrollarli. Dunque, puoi inoltrare la domanda tramite il tasto “Invio”.

Laurea
Laurea ©Getty Images

Utilizzando la sezione “Modalità di calcolo”, puoi impostare la modalità di calcolo del riscatto. Questo qualora eserciti una delle facoltà che prevede la liquidazione pensionistica con il sistema contributivo. Puoi dunque chiedere che il riscatto sia determinato con sistema percentuale o forfettario-agevolato. Il sistema percentuale prevede che “la retribuzione assoggettata a contribuzione negli ultimi 12 mesi sia moltiplicata per l’aliquota vigente nella gestione interessata”. Questo “alla data di presentazione della domanda, per il numero di anni da riscattare”. Il sistema forfettario-agevolato prevede che “il livello minimo imponibile annuo” – 15.953 euro in questo 2021 – “sia moltiplicato per l’aliquota vigente presso il Fondo pensione dei lavoratori dipendenti. Questo equivale al 33%, per il numero di anni da riscattare.

LEGGI ANCHE >>> Lei lavorava mentre lui si laureava: ex marito deve pagare il mantenimento

Puoi pagare il riscatto tramite l’avviso di pagamento pagoPA, accedendo al sito Inps tramite il seguente percorso. “Prestazioni e servizi”; “Servizi”; “Portale dei pagamenti”; “Riscatti Ricongiunzioni e Rendite”; “Entra nel servizio”. Puoi effettuare l’accesso al portale anche tramite codice fiscale e numero di pratica che viene indicato nel provvedimento inviato all’Inps. Puoi anche chiedere l’invio tramite e-mail o posta dell’avviso di pagamento al call center dell’Inps. Si possono saldare gli avvisi di pagamento pagoPA nei seguenti modi. Dal sito dell’Inps, tramite addebito in conto corrente, carta di credito/debito, in banca, attraverso home banking, alle Poste o presso altri esercenti convenzionati, con addebito diretto sul proprio conto.