E’ morto l’arcivescovo Desmond Tutu, premio Nobel per la Pace

E’ morto all’età di 90 anni l’arcivescovo Desmond Tutu, premio Nobel per la Pace e simbolo della resistenza contro l’apartheid. Il presidente sudafricano: “Figura essenziale per il nostro Paese”.

Desmond Tutu morto
L’arcivescovo Demond Tutu è morto all’età di 90 anni © Getty Images

Sudafrica in lutto per la morte dell’arcivescovo Desmond Tutu. Il decesso del religioso, avvenuta all’età di 90 anni, è stato annunciato dal presidente Ramphosa. Il politico ha anche espresso a nome di tutti i sudafricani “tristezza per la scomparsa di una figura essenziale della storia del Paese“.

LEGGI ANCHE <<< Nuova variante sudafricana, possibile lockdown? Tajani dice la sua

Il reverendo, infatti, è stato prima uno dei simboli della lotta contro il regime razzista e poi a capo della Commissione per la Verità e Riconciliazione che ha portato alla luce la verità su quanto successo durante il periodo di repressione da parte dei bianchi. Una figura, quindi, molto importante per l’intero Sudafrica e la sua morte chiude una pagina di storia per il Paese.

Chi era Desmond Tutu

Desmond Tutu
Chi era Desmond Tutu, arcivescovo anglicano © Getty Images

Nato in Sudafrica il 7 ottobre 1931, Desmond Mpilo Tutu è cresciuto a Johannesburg dove ha completato gli studi. Nel 1960 la nomina a pastore anglicano e l’inizio di una professione che lo ha fatto diventare in pochi anni un vero simbolo del Paese.

E’ stato in prima linea, infatti, nella battaglia contro l’apartheid, impegno che nel 1984 gli ha fatto vincere il Premio Nobel per la Pace. Al termine di questo regime razzista, l’arcivescovo ha deciso di fondare una commissione per avviare un percorso di riconciliazione ma anche provare a scoprire la verità sulle atrocità commesse nei decenni precedenti.

LEGGI ANCHE <<< Variante Omicron, dal Sudafrica buone notizie: parlano i medici

Tutti impegni che lo hanno fatto diventare un vero simbolo per il Sudafrica e la sua morte lascia sicuramente un vuoto nel Paese. Un decesso avvenuto nella giornata di domenica 26 dicembre. La famiglia ha preferito non comunicare le cause della scomparsa dell’arcivescovo anglicano. Nelle prossime ore si capirà se l’ultimo saluto sarà pubblico oppure, visto anche il periodo, si deciderà di omaggiarlo nelle prossime settimane con un evento a Johannesburg.