Un anno di addii da Raffa a Battiato a Gino Strada e il principe Filippo

Il 2021 è stato un anno dove se ne sono andate tante persone del mondo dello spettacolo, del cinema, del teatro e della letteratura

Il Mito
Raffaella Carrà, Cantante, presentatrice e donna simbolo di tante generazioni (Getty Images)

Un anno difficile da dimenticare. E la verità è che si dice e si scrive di un po’ tutti gli anni che stanno per finire, ma il 2021, questa volta, in particolar modo. Non tanto per chi non c’è più, quanto perché è stato l’anno che è arrivato dopo un periodo tremendo legato alla pandemia, dove le persone hanno ricominciato a fare cose vicine alla normalità. Il 2020 è stato catastrofico perché è arrivato e scoppiato il Covid che ha devastato il mondo, il successivo non è che le cose siano cambiate in maniera radicale, ma almeno con i vaccini, un segno di speranza c’è stato e c’è, anche se il percorso è ancora lungo e tortuoso.

E’ altrettanto vero però che il 2021 sono stati dodici mesi che ci hanno visto rialzare la testa ma anche l’anno dove se ne sono andate persone che sembravano immortali. Tra queste c’è Raffaella Carrà, scomparsa il 5 luglio per una brutta malattia. Lei, Raffa come tutti la chiamavano, è stata l’icona di tante generazioni. Era conosciuta in tutto il mondo, tanto che il giorno dopo la sua morte, il ricordo della Carrà era ben impresso sulle pagine di tanti quotidiani nel mondo. E’ stato un distacco doloroso, anche perché la Carrà ha davvero rivoluzionato il modo di fare e soprattutto di essere in tv.

Miti della musica come Battiato e persone indimenticabili come Gino Strada

Il filosofo
Cantante e poeta Franco Battiato durante una presentazione (Getty Images)

Da un genio a un altro. Da Raffaella Carrà a Franco Battiato, altro mito della musica italiana. Un poeta, un filosofo dei nostri tempi che arrivava alle persone con le sue canzoni. Se ne è andato il 18 maggio, anche lui dopo una lunga e complicata malattia. Ma con lui, almeno per il nostro paese, leggende come Carla Fracci, considerata una delle ballerine, se non proprio la ballerina più famosa e importante del ventesimo secolo. Ed era italiana.

Altra scomparsa che ha lasciato un vuoto immenso è stata quella di Gino Strada che se ne è andato il 13 agosto mentre era in vacanza in Normandia. Lui è stato un personaggio controverso che spesso attirava su di sé e creava tante polemiche, ma più per il suo modo di essere, E’ stato il fondatore di Emergency, un chirurgo che ha passato tutta la sua vita a salvare le vite degli altri. Un uomo al servizio del mondo e delle persone, e senza chiedere niente in cambio. Un eroe del nostro secolo. Uno che, invece, il secolo l’ha quasi attraversato, è stato il Principe Filippo di Edimburgo, il marito della regina Elisabetta, morto ad aprile. Ma i volti noti che non ci sono più sono davvero tanti come Lina Wertmuller, Colin Powell, Wilbur Smith, Milva e tanti tanti altri ancora.