E’ corsa al tampone, farmacie prese d’assalto

In Italia è corsa al tampone. Milioni di italiani in queste ultime ore si stanno recando in farmacia per effettuare un test rapido per trascorrere in sicurezza insieme ai propri familiari 24 e del 25 dicembre. E la situazione sembra essere destinata a ripetersi anche la prossima settimana in vista del Capodanno.

Tamponi farmacie
Farmacie prese d’assalto per i tamponi © Ansa

In Italia è partita la corsa al tampone in vista del 24 e del 25 dicembre. Dopo lo scorso Natale trascorso in zona rossa, nel nostro Paese sono pronte a tornare le riunioni familiari per trascorrere insieme questi due giorni, ma il tutto naturalmente in sicurezza. E proprio per questo sono milioni gli italiani che nelle ultime ore si sono recati in farmacia per effettuare un test rapido.

LEGGI ANCHE <<< Luca Zaia e i tamponi fai da te: “Facilissimo, ecco come si fa”

Richieste che stanno mettendo in difficoltà sia le farmacie che tutti gli altri centri dove è possibile fare un tampone. Molte strutture, inoltre, sono costrette a rimandare indietro i cittadini perché non hanno test a disposizione. Una situazione destinata a ripetersi anche la prossima settimana quando gli italiani decideranno di trascorrere insieme la sera del 31 dicembre per dare il benvenuto al 2022.

Natale è alle porte, le regole decise dal Governo

Natale
Gli italiani sono pronti a trascorrere il Natale con parenti e amici dopo le chiusure dello scorso anno © Getty Images

Il Natale è ormai arrivato e, a differenza dello scorso anno, il Governo ha deciso di non mettere in campo delle regole particolarmente rigide per il 24 e il 25 dicembre. Sarà possibile, quindi, per gli italiani trascorrere questi due giorni insieme ad amici e parenti sia a casa che nei ristoranti.

LEGGI ANCHE <<< Natale, scatta la corsa al tampone: farmacie prese d’assalto

Un piccolo ritorno alla normalità dopo un anno e mezzo di chiusure e difficoltà economiche dovute alla pandemia. La speranza è davvero quella di aver messo alle spalle, nonostante il nuovo aumento dei casi, il periodo più duro e che il prossimo Natale possa essere davvero quello senza limitazioni.