Covid, decisa la riduzione della durata del Green Pass: i dettagli

Via libera della cabina di regia alla riduzione della durata del Green Pass. Ecco tutti i dettagli della nuova misura.

Green Pass
Decisa la riduzione della validità del Green Pass © Getty Images

Via libera della cabina di regia alla riduzione della durata del Green Pass. Come riferito da La Repubblica, la validità della certificazione verde dal prossimo 1° febbraio scenderà da 9 a 6 mesi.

La scelta di posticipare l’avvio della misura di qualche settimana è fortemente legata al fatto di dare più tempo agli italiani per farsi la terza dose ed evitare assembramenti nei centri vaccinali difficilmente gestibili.

LEGGI ANCHE <<< Scuola, gli studenti dicono sì al Green Pass ma no all’obbligo vaccinale

Inoltre, sempre secondo le ultime indiscrezioni, il Governo dovrebbe ridurre il periodo minimo tra seconda e terza dose a 4 mesi. Su questo passaggio, però, si attende l’ok dell’Aifa e per questo motivo l’ordinanza del ministero della Salute potrebbe arrivare nei primi giorni di gennaio e non in concomitanza con la pubblicazione del decreto.

Validità Green Pass ridotta, accelerazione sulle vaccinazioni?

Green Pass
Riduzione durata Green Pass, accelerano le vaccinazioni? © Getty Images

La scelta di ridurre la validità della certificazione verde è fortemente legata alla variante Omicron. La dose booster, almeno secondo gli ultimi studi, protegge dalla mutazione registrata per la prima volta in Sudafrica e l’obiettivo del Governo è proprio quello di riuscire a dare una nuova accelerazione alle vaccinazioni per mettere in sicurezza il Paese e salvaguardare l’economia.

Il Green Pass ottenuto tramite la somministrazione, infatti, continuerà ad essere richiesto per la maggior parte delle attività sociali e, per questo, saranno molti gli italiani che nelle prossime ore prenoteranno la nuova iniezione.

LEGGI ANCHE <<< Cagliari, la barista chiede il Green pass: il cliente reagisce male

La riduzione della durata della certificazione verde è stata fortemente richiesta dal CTS in base agli ultimi studi sulla protezione dei vaccini. Alcuni esperti avevano avanzato anche la proposta di una validità di cinque mesi, ma alla fine il premier Draghi ha deciso per sei. Nelle prossime settimane gli studiosi capiranno la durata dello scudo della terza dose e in base a queste ricerche il Governo deciderà se confermare questa validità oppure modificarla ancora una volta.