Nigeria, un milione di dosi Astrazeneca distrutte: svelato il motivo

Clamoroso quello che è accaduto in Nigeria nelle ultime ore: un milione di dosi di vaccino ‘Astrazeneca’ sono state letteralmente distrutte. Svelato il motivo di questo gesto che ha sconvolto tutti

Vaccini Astrazeneca
Dosi vaccino Astrazeneca (Getty Images)

Dalla Nigeria arriva una notizia che ha davvero dell’incredibile. Le autorità locali hanno letteralmente distrutto un milione di dosi del vaccino ‘Astrazeneca‘. Subito dopo, però, hanno svelato il motivo di questo gesto. Direttamente dalla capitale Abuja sono arrivate le dichiarazioni. La causa di ciò è che stavano scadendo. La colpa è stata assegnata direttamente ai donatori internazionali, visto che la maggior parte delle dosi sono state consegnate molto tardi rispetto ai termini prefissati in precedenza.

LEGGI ANCHE >>> Omicron, l’atteso tweet di Zingaretti: “Mascherine all’aperto obbligatorie”

Non ci sarebbe stato il tempo materiale per somministrarli in un Paese in cui vivono più di 200 milioni di persone. I pacchi provenienti dall’Europa sono arrivati solamente nel mese di ottobre, peccato che (fortunatamente) si sono accorti che la scadenza era di un mese più tardi, ovvero novembre. Purtroppo anche in Nigeria la situazione, per quanto riguarda i contagi, non è assolutamente delle migliori visto che i positivi sono notevolmente aumentati. Anche per via della variante Omiron che ha messo in ginocchio l’intera Europa.

Nigeria, distrutte dosi Astrazeneca: “Stavano scadendo

Astrazeneca
Vaccino Astrazeneca (Getty Images)

I dati che arrivano dal Paese sono preoccupanti. Solamente il 4% della popolazione ha effettuato la doppia dose. C’è ancora chi sta aspettando la prima e chi, invece, sta lottando tra la vita e la morte negli ospedali poiché ricoverato. Sempre dall’Africa fanno sapere che le dosi sono state distrutte da un bulldozer all’interno di un piazzale, dove erano state messe in degli scatoloni.

LEGGI ANCHE >>> Omicron, tempesta in arrivo: oggi parla Draghi, attese nuove misure

Non è da escludere che, nei prossimi giorni, vengano consegnate delle nuove dosi del vaccino anglo-svedese nel paese africano. Secondo Faisal Shuaib, direttore dell’ente sanitario National Primary Health Care Development Agency, la colpa è prevalentemente del “nazionalismo dei vaccini” di alcuni paesi sviluppati. Questi ultimi colpevoli di aver mandato in netto ritardo le cure e che se li sono tenuti fino a quando non stavano per scadere.

Astrazeneca
Vaccino Astrazeneca (Getty Images)