Covid in Serie B, venti positivi in un club: la decisione del presidente

In Serie B è allarme Covid. Un club nelle ultime ore ha registrato più di venti positivi. Ecco la decisione del presidente.

Serie B
Emergenza Covid in Serie B altre due partite rinviate © Getty Images

E’ allarme Covid in Serie B. Dopo i rinvii di Benevento-Monza e Lecce-Vicenza, sono diverse le squadre che stanno registrando positivi e le ultime due giornate di quest’anno sono a forte rischio.

LEGGI ANCHE <<< Incubo Covid che torna, rinviata Lecce-Vicenza in B

Spostamento che sembra essere ormai certo per Spal-Benevento e Spal-Pisa. La squadra ferrarese, infatti, nelle ultime ore ha visto salire a 20 i casi di coronavirus accertati nel gruppo squadra e il presidente Tacopina ha confermato la sua intenzione di non far scendere i suoi calciatori in campo contro Benevento e Pisa. “La sicurezza e la salute vengono prima di tutto – ha detto il numero uno degli estensi citato da tuttomercatoweb.com qualsiasi siano le indicazioni della Lega e dell’Asl, io non farò scendere in campo la mia squadra“.

La Serie B si ferma?

Pisa
La Serie B rinvia le ultime due giornate per l’emergenza Covid? © Getty Images

Contagi da Covid che potrebbe portare a rinviare le giornate di campionato previste per il 26 e il 29 dicembre. Come riportato da tuttomercatoweb.com, l’intenzione della Lega, condivisa da diversi club, è quella di proseguire e valutare caso per caso, ma i contagi sono in aumento e per questo motivo non è da escludere uno stop per consentire a tutte le squadre di recuperare i giocatori positivi e ripartire nel 2022.

LEGGI ANCHE <<< Serie A, Udinese-Salernitana a rischio? A vuoto l’appello di Marino

La decisione definitiva sull’ipotesi rinvio sarà presa nel Consiglio di giovedì 23. L’ipotesi più probabile, come detto, è quella di non fermare il campionato e rinviare solamente le partite con le squadre bloccate dall’ASL. Il numero dei club con positivi nella rosa, però, è in forte crescita e la possibilità di anticipare la sosta invernale è sicuramente sul tavolo dei vertici della Serie B. Stop destinato a rimescolare le carte e, come già successo nel 2020, a consentire alle squadre più in difficoltà di sfruttare il mercato per poter risalire la classifica ed allontanare lo spettro retrocessione.