Covid, Draghi prepara la stretta: ecco cosa ci sarà nel decreto

Si avvicina la cabina di regia per le misure anti-Covid. E Draghi in conferenza anticipa le possibili restrizioni.

Stretta anti Covid
Il Governo prepara una nuova stretta anti Covid © Getty Images

Il Governo è pronto ad una nuova stretta anti-Covid. Come confermato dal premier Draghi in conferenza stampa, la variante Omicron ha aperto una nuova fase della pandemia e per questo nella cabina di regia del 23 dicembre sono attese delle nuove regole per provare a fermare la risalita dei casi.

LEGGI ANCHE <<< Draghi: “I tre quarti dei morti sono non vaccinati. Domani in cabina di regia…”

Sembra essere definitivamente esclusa l’ipotesi di un lockdown per tutti oppure un coprifuoco per il periodo di Capodanno, ma lo stesso premier ha aperto all’ipotesi in futuro di un limite orario per i non vaccinati.

Stretta anti-Covid, ecco cosa ci sarà nel nuovo decreto

Regole Covid Italia
Le misure che saranno discusse nella cabina di regia © Getty Images

Le misure che saranno discusse in cabina di regia il 23 dicembre sono state anticipate da Mario Draghi nella conferenza stampa di fine anno. E’ ormai certo il ritorno dell’obbligo della mascherina all’aperto. Inoltre, nella riunione di maggioranza si valuterà anche la possibilità di imporre la FFP2 nei luoghi a rischio assembramento come i trasporti pubblici oppure le discoteche.

Sembra certa anche la riduzione della validità del Green Pass da 9 a 6 mesi con la possibilità di fare la terza dose dopo 120 giorni dalla seconda iniezione. Per spingere le somministrazioni booster, inoltre, il Governo potrebbe decidere di inserire il tampone per i vaccinati per discoteche e feste. Possibile una misura simile anche per gli stadi, ma su questo tema non c’è ancora un accordo. Non sono da escludere delle raccomandazioni sulle tavolate casalinghe a Natale e Capodanno, ma sul tavolo di Palazzo Chigi non dovrebbe esserci l’ipotesi di un tetto massimo di ospiti come fatto in Germania.

LEGGI ANCHE <<< Omicron, tempesta in arrivo: oggi parla Draghi, attese nuove misure

In questo decreto molto probabilmente non sarà inserito l’obbligo vaccinale. Ma il premier Draghi ha sottolineato che “se i casi continueranno a crescere valuteremo a brevissimo anche questa misura“. Per quanto riguarda la scuola, invece, esclusa la possibilità di una proroga delle vacanze natalizie di 15 giorni.