Coppa d’Africa, Eto’o duro: “Si deve giocare! Valiamo meno degli Europei?”

L’ex attaccante di Barcellona e Inter non ci sta e usa toni pesanti in un’intervista a Canal Plus Africa: “Per quale ragione non si dovrebbe disputare? Io pronto a difendere la mia Federazione”. E ancora: “Europei disputati con la pandemia e gli stadi pieni”.

Samuel Eto'o
Samuel Eto’o usa toni duri contro chi ha messo in dubbio la prossima Coppa d’Africa: “Valiamo meno degli Europei?” (Getty Images)

Uno sfogo per difendere una Coppa d’Africa già spostata 3 volte e ora di nuovo al centro delle discussioni internazionali. Samuel Eto’o si è fatto sentire pubblicamente, ha utilizzato i microfoni di Canal Plus Africa per alzare la voce contro chi vorrebbe depennare dal calendario la competizione che da programma partirà il prossimo 9 gennaio (finale prevista il 6 febbraio 2022). L’ex attaccante di Barcellona e Inter ha sbottato in diretta rivendicando le proprie ragioni. “Chiedo a tutti: quale sarebbe la ragione o la scusa per rinviarla?”, ha domandato perplesso. Il riferimento non è velato, bensì specificato: “L’estate scorsa eravamo in piena pandemia, eppure sono stati svolti gli Europei senza problemi, con tutti gli stadi pieni. Ora perché in Camerun non possiamo giocare la Coppa d’Africa?”. 

LEGGI ANCHE QUESTO: Coppa d’Africa, i club perdono i pezzi: chi parte e quante gare salteranno

La critica pesante: “Il Camerun vale meno? Alcuni africani sono complici…”

Samuel Eto'o
Samuel Eto’o ha detto di voler difendere la propria federazione da coloro che non vorrebbero far disputare la Coppa d’Africa (Getty Images)

Al centro delle perplessità la variante Omicron e la nuova ondata di contagi. Eto’o non ci sta e rilancia le proprie rivendicazioni: “Si deve giocare, non vedo un motivo per non farlo. La Federazione che rappresento difenderà fino all’ultimo questa Coppa d’Africa e il suo svolgimento”. La competizione inizialmente era prevista tra l’11 giugno e il 9 luglio 2021, poi era stata anticipata al 9 gennaio dello stesso anno a causa delle condizioni meteo avverse del Camerun, Paese ospitante. La pandemia successivamente ha spinto alla nuova collocazione nel 2022. Eto’o ha proseguito con toni accesi: “Noi del Camerun valiamo meno delle nazioni che hanno organizzato l’Europeo? Siamo considerati meno? In tutto ciò c’è una cosa brutta, ovvero il comportamento di alcuni africani. Sono complici di questo modo di fare ingiusto”.