Caporalato a Latina: 96 persone sfruttate per una cifra da record

Caporalato e sfruttamento: erano in 96 a lavorare in una azienda di Latina che ora dovrà rispondere delle accuse. Cifra record dal profitto illecito accumulato. 

caporalato latina
Un militare della Guardia di Finanza (Getty Images)

La Guardia di Finanza ha messo i lucchetti ad una azienda florovivaistica a Latina. Il blitz ha infatti consentito ai militari di fermare un giro di sfruttamento e caporalato molto vasto. Sono state fermate due persone, dopo la ricostruzione che ha permesso dettagliatamente di capire cosa avveniva all’interno dell’azienda. Erano 96 gli uomini di origine indiana impegnati come braccianti.

Leggi anche: Falsi vaccini, 3 indagati a Palermo: inchiodati dalle telecamere

Ed erano sfruttati, sottoposti a condizioni di lavoro e ad una sorveglianza degradante. L’attività è stata quindi sequestrata, e per i due titolari dell’azienda agricola è scattato il divieto di dimora nell’intera provincia di Latina. Il profitto derivante dalle violazioni in termini di contratti di lavoro e sfruttamento, è infatti molto alto.

Caporalato, blitz a Latina: cifre record per lo sfruttamento dei braccianti indiani

guardia di finanza
Guardia di finanza (Getty Images)

La Guardia di finanza ha prima ricostruito cosa accadeva all’interno dell’azienda. In seguito ha quantificato il profitto illecito derivante dallo sfruttamento dei 96 braccianti indiani. É scattato quindi il controllo per i titolari dell’azienda, con le relative sanzioni. I profitti della manodopera irregolare e dello sfruttamento ammonterebbero a circa 123 mila euro. Una cifra record, che rende l’idea delle violazioni commesse in tema di lavoro.

Leggi anche: Parigi, panico al Centro Commerciale: due donne prese in ostaggio

Le Fiamme Gialle di Sabaudia, coordinate al procuratore aggiunto di Latina Carlo Lasperanza e dal sostituto procuratore Giuseppe Miliano, hanno poi verificato le condizioni di lavoro. I 96 braccianti indiani in alcuni casi erano costretti a rinunciare a ferie, a riposi settimanali, e operavano in un contesto in cui erano completamente assoggettati ai proprietari dell’azienda. Scattate quindi le sanzioni. Lo sfruttamento consentiva all’azienda di risparmiare sul piano previdenziale, sulla sicurezza sul lavoro e sul costo della manodopera.