ESCLUSIVA Notizie.com – Zoff: “Ci riprenderemo ma occhio al Portogallo”

L’ex-ct della Nazionale sulla partita di ieri: “Siamo forti, è un periodo di calo che ci può stare. Ma occhio a un avversario..”

Brucia moltissimo il sorpasso della Svizzera nella classifica del Gruppo C delle qualificazioni ai Mondiali di Qatar 2022. La squadra è apparsa priva di idee, soprattutto in attacco, e i prossimi playoff spaventano non poco i tifosi che hanno ancora ben impresse nella memoria le immagini della partita di San Siro del 2017 con la Svezia che ci vide uscire dal Mondiale 2018 prima ancora che iniziasse.

Uno che di Mondiali se ne intende è Dino Zoff. L’ex-portierone azzurro ed ex-ct della Nazionale però è sicuro: in Qatar ci andremo. La Nazionale vive un momento poco positivo, ma è solo un passaggio.

LEGGI ANCHE: ESCLUSIVA Notizie.com – Enock Balotelli: “Qualcuno non vuole Mario, ma darebbe tutto per la Nazionale”

“La squadra è la stessa degli Europei – dice Zoff in esclusiva per Notizie.com -, purtroppo può cattivare un periodo di cattiva forma. I giocatori hanno fatto tutti ciò che dovevano fare, ma per ora gira così. Fortunatamente c’è ancora la concreta possibilità di andare al Mondiale con i playoff. E’ tutto ancora da giocare. Non credo ci siano giocatori che hanno subito una involuzione”.

La squadra prende pochi gol ma ne fa altrettanto pochi. C’è forse la carenza di un giocatore di peso in attacco, uno che sappia segnare? “Immobile era infortunato e lui è un goleador per eccellenza, un giocatore importante che nella vittoria degli Europei ha saputo dare il suo appoggio fondamentale – continua Zoff -. Non so se ci possano essere giocatori nuovi che ancora non abbiamo visto in squadra, vediamo se qualcuno verrà fuori. Mancini è sempre stato aperto a tutti, direi che da questo punto di vista non c’è problema”.

LEGGI ANCHE: Mbappè: un Gol mai visto che fa sognare : VIDEO

Non conosciamo ancora i nostri avversari dei playoff, ma un pericolo grande da evitare c’è. “Il Portogallo è per noi la squadra più pericolosa, le altre sono sicuramente più abbordabili, Svezia compresa. Ora andiamo a giocare a marzo, c’è tutto il tempo per rimetterci in carreggiata”.