I Maori vietano l’Haka ai no-Vax, durissimo scontro in piazza

La tribù Maori ha intimato ai manifestanti anti-vaccini in Nuova Zelanda di fermare “immediatamente” l’uso di del famoso ballo

Niente Haka
Scontro tra i Maori e i no-Vax, (screenshot notizie.com)

Uno scontro violentissimo. In piazza e in Parlamento. In tutto il mondo ci sono manifestazioni contro i vaccini e non è da meno la Nuova Zelanda, dove da settimane le piazze di ogni città sono invase da proteste dei No-Vax. Il problema è che tanti di loro quando manifestano, spesso, per rendere ancora più esplicito il dissenso, effettuano l’haka Ka Mate, la danza resa famosa dagli All Blacks prima di ogni gara di rugby.

Ma ora basta. E a dirlo è la tribù “Ngati Toa”, che ha la tutela legale nel mondo dell’haka. La tribù ha emesso un forte avviso nazionale a tutti i manifestanti di non permettersi più a fare l’Haka, visto che i No-Vax neozelandesi la fanno ogni volta per aprire e chiudere ogni manifestazione.

I Maori non vogliono che l’Haka sia strumentalizzata dai No-Vax

Caos Olimpico
Un mischia durante la gara di rugby Italia-Nuova Zelanda (screenshot notizie.com)

Anche all’interno delle tribu Maori ci sono dei dissidenti contro il vaccino. Solo il 61% delle persone maori idonee è completamente vaccinato, col 77% che ha ricevuto appena la prima dose. E questo è al di sotto del tasso della totalità della Nuova Zelanda che è a al  90% della copertura vaccinale. Ma questo per il “Ngati Toa non è abbastanza per usare la loro Haka, soprattutto per spingere la gente a non vaccinarsi.

“Molti dei nostri tupuna (antenati) hanno perso la vita in questa pandemia – spiega il Ngati Toa – sappiamo in modo chiaro e inequivocabile che il vaccino COVID-19 è la migliore protezione che abbiamo a nostra disposizione e ci impegniamo a sostenere la nostra whānau (famiglia) per ottenere più vaccinati il ​​prima possibile”.