Roma, Abraham in difficoltà: “Non mi aspettavo fosse così dura”

Roma, parla l’attaccante dei giallorossi e della nazionale inglese Tammy Abraham. Il classe ’97, impegnato proprio con i ‘Tre Leoni’ in vista delle qualificazioni alla prossima edizione della Coppa del Mondo, ha rilasciato un’intervista al ‘Telegraph’

Roma, Abraham in difficoltà
Tammy Abraham (Getty Images)

Alla Roma di José Mourinho, poco prima dell’inizio della stagione, mancava un vero bomber. Dopo la partenza di Edin Dzeko, che si è accasato all’Inter, la dirigenza giallorossa ha virato in Premier League alla ricerca di un giovane calciatore che potesse fare la differenza. Si è scelto di puntare sull’atleta fresco campione d’Europa con il Chelsea: stiamo parlando di Tammy Abraham. Il classe ’97, attualmente impegnato con l’Inghilterra in vista delle qualificazioni alla prossima edizione della Coppa del Mondo, ha parlato della sua prima esperienza in Italia con la sua nuova maglia.

LEGGI ANCHE >>>ESCLUSIVA – Roma, spogliatoio nel caos dopo il Bodo Glimt: la rivelazione

L’impatto, in termini di gol ed altro, è stato un po’ altalenante. In diciassette presenze (tra qualificazioni e Uefa Conference League, oltre che al campionato) ha segnato solamente cinque reti e fornito due assist ai suoi compagni di squadra. Bottino magro per un calciatore del suo calibro: i tifosi, sicuramente, si aspettavano qualcosa di più ma continueranno a dargli fiducia. Del suo ambientamento in giallorosso ne ha parlato in un’intervista rilasciata al ‘Telegraph‘.

Roma, Abraham: “Serie A? Difficilissima

Nei suoi primi mesi con i “lupacchiotti” ha notato subito che c’è una netta differenza tra il campionato inglese e quello italiano. Il centravanti ha rivelato che non si aspettava assolutamente che la Serie A fosse un torneo così difficile. Complimenti vanno alle difese avversarie molto attente a studiare gli attaccanti che hanno di fronte ogni domenica.

LEGGI ANCHE >>> Ira tifosi Roma su Mou, ma che dici? Peres e Juan Jesus, e Pedro allora?

La differenza tra l’Inghilterra e l’Italia? Che in Premier sono abituati ad attaccare sempre gli spazi e di cercare di rompere le difese avversarie. Il suo percorso in Italia, come ha confermato stesso lui, lo aiuterà a crescere come atleta. Anche perché ha voluto fare l’esempio di Lukaku, tornato in Inghilterra dopo che all’Inter è letteralmente esploso.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Tammy Abraham (@tammyabraham)