Alberto Livoni, ottime notizie dall’Etiopia: l’annuncio dell’Ong Vis

Arrivano ottime notizie direttamente dall’Etiopia per quanto riguarda Alberto Livoni. Per chi non lo conoscesse e non avesse mai sentito parlare della sua storia di tratta di un collaboratore della Ong Vis (Volontariato Internazionale per lo Sviluppo)

Etiopia, liberato Alberto Livoni
Militari Etiopia (Getty Images)

Nei giorni scorsi c’era stata molta apprensione per quanto riguarda Alberto Livoni. Il volontario dell’Ong Vis era stato trattenuto in stato di fermo in Etiopia. Non si sapevano più notizie che lo riguardavano. Andiamo con ordine: lo scorso 6 novembre fu arrestato nel paese dopo una retata guidata dalle forze governative del premier Abiy Ahmed. Non fu l’unico ad essere sequestrato, visto che altri due suoi colleghi volontari sono finiti in manette.

LEGGI ANCHE >>> Pestato in hotel, l’agguato gli costa la vita: scattano gli arresti

Chiunque avesse avuto rapporti (oppure anche chi fosse solo sospettato) con la regione che era stata attaccata un anno fa veniva catturato. Insieme a lui anche altri cittadini americani ed inglesi si trovano attualmente dietro le sbarre. Fortunatamente arrivano buone notizie per il nostro connazionale. A rivelarle ci ha pensato la stessa associazione in cui lavora.

Etiopia, Alberto Livoni è libero: il messaggio dell’Ong Vis

 Alberto Livoni è stato finalmente rilasciato. Questo il messaggio da parte dell’associazione: “Intendiamo ringraziare vivamente l’Ambasciata Italiana in Etiopia che ha lavorato ininterrottamente per il rilascio del nostro operatore. Non smetteremo mai di rendere omaggio a loro. Il nostro Alberto è in buone condizioni. Restiamo in apprensione per i due operatori Vis locali ancora trattenuti in stato di fermo, continuiamo a seguire la loro situazione auspicando anche per loro l’immediato rilascio“.

LEGGI ANCHE >>> Pedopornografia, emergono pesanti verità: insospettabili fra gli arrestati

Secondo quanto riportano alcune fonti locali pare che lo stesso Livoni sia stato prelevato dalla sua abitazione ad Addis Abeba dopo l’irruzione da parte dei militari etiopi. Il suo ruolo nel paese è quello di occuparsi delle scuole e dei corsi di formazione per i più giovani.

Etiopia, liberato Alberto Livoni
Militari in Etiopia (Getty Images)