Cop26, accordo a ribasso a Glasgow: la reazione di Greta Thunberg

La Cop26 si è chiusa con un accordo a ribasso. La linea di India e Cina è riuscita a prevalere, delusione per Gran Bretagna.

Greta Thunberg
La reazione di Greta Thunberg dopo l’accordo alla Cop26 ©Getty Images

La Cop26 si è chiusa con un accordo che non soddisfa tutti. Negli ultimi giorni della conferenza sul clima, infatti, Cina e India avevano alzato una barriera sul metano e, nonostante le continue trattative, non si è arrivati ad una vera e propria intesa su questo tema e c’è stato il rischio di far saltare tutto.

Alla fine i Paesi hanno accettato le richieste avanzate da Cina e India su questo tema e si è arrivati ad un documento che prevede l’impegno di tenere il riscaldamento globale sotto il grado e mezzo e, soprattutto, di arrivare a zero emissioni nette fino al 2050.

LEGGI ANCHE <<< COP26, clamorosa decisione del principe Carlo: polemiche

Come detto, l’accordo non sembra soddisfare tutti e lo stesso ministro britannico e presidente della Cop26 si era scusato per aver ceduto nella trattativa, ma l’obiettivo principale era quello di difendere il pacchetto. Accordo che non soddisfa neanche Greta.

La reazione di Greta Thunberg

Greta Thunberg
Greta Thunberg ©Getty Images

La Cop26 è stata seguita da vicino da Greta Thunberg. L’attivista su Twitter, come ci si poteva aspettare, si è detta contraria a quanto deciso a Glasgow con un commento sicuramente molto duro nei confronti dei politici.

LEGGI ANCHE <<< Cop26, il gesto di Biden che ha sconvolto Camilla

La svedese è ritornata a parlare del “bla, bla, bla” precisando che “il lavoro vero si fa fuori da quelle stanze e noi non ci arrenderemo mai, mai“. Parole che fanno pensare ad altre manifestazioni in futuro con l’obiettivo di poter provare ad anticipare i tempi di queste decisioni sul clima.

La partita, comunque, continua ad essere aperta e nei prossimi giorni sono attesi incontri che hanno come obiettivo quello di provare a definire meglio quanto deciso a Glasgow. E le novità su questo tema sono sicuramente dietro l’angolo visto l’impegno garantito da Usa e Ue in questa conferenza a Glasgow.