Nazionale, non finiscono i guai per Mancini: altri due azzurri lasciano ritiro

Nazionale, non finiscono le brutte notizie per il commissario tecnico Roberto Mancini: dopo il pareggio di ieri sera, altri due calciatori hanno dovuto lasciare il ritiro e hanno fatto ritorno nei loro rispettivi club

Italia, Calabria e Bastoni lasciano il ritiro
Roberto Mancini (Getty Images)

Ghiotta occasione sciupata per i nostri Azzurri che non vanno oltre il pareggio casalingo contro la Svizzera di Murat Yakin. Dal match dell’Olimpico usciamo con l’amaro in bocca per il calcio di rigore clamorosamente fallito da Jorginho. Con un suo gol la squadra si era assicurata un posto per i prossimi mondiali che si disputeranno il prossimo anno in Qatar. Le brutte notizie, però, per il commissario tecnico non finiscono per nulla qui.

LEGGI ANCHE >>> 13 novembre 2017 ad oggi: spettri del passato dietro la Nazionale azzurra?

E’ di pochi minuti fa la notizia che Alessandro Bastoni, difensore dell’Inter, ha lasciato il ritiro ed è ritornato a Milano. Il calciatore non figurava nemmeno nella lista degli atleti in panchina della gara contro gli elvetici. Per lui un problema agli adduttori che lo sta tormentando da tantissimo tempo. Al suo posto Gian Marco Ferrari del Sassuolo. In questo caso non arrivano belle notizie neanche per Simone Inzaghi, in vista del big match di campionato di domenica 21 novembre contro il Napoli di Spalletti. C’è anche un altro giocatore che ha lasciato il ritiro.

Nazionale, dopo Bastoni anche Calabria lascia il ritiro

Davide Calabria lascia il ritiro
Davide Calabria (Getty Images)

Anche Davide Calabria ha dovuto alzare bandiera bianca ed ha lasciato il ritiro di Coverciano. Il terzino del Milan era entrato all’80esimo minuto prendendo il posto di Emerson Palmieri. Per lui si tratta di un problema muscolare che non gli permetterà di scendere in campo nell’importante sfida di lunedì sera contro l’Irlanda del Nord.

LEGGI ANCHE >>> Clamorosa novità in casa Lazio, Mancini convoca Cataldi in Nazionale

Non è ancora chiaro se il ct Mancini voglia convocare un altro atleta al suo posto. Resta il fatto che per l’Italia non è un buon momento: tra due giorni deve assolutamente arrivare la vittoria se intendono staccare il pass per Qatar 2022 ed allontanare, definitivamente, gli spettri di quattro anni fa. Proprio oggi è il triste anniversario della gara maledetta pareggiata, in casa, contro la Svezia.

Italia-Svizzera 1-1, la delusione degli Azzurri
Italia-Svizzera 1-1, la disperazione di Jorginho (Getty Images)