Bufera Marusic, positivo dopo festa segreta di Jovetic in discoteca

Doveva restare segreta la festa di compleanno in discoteca dell’ex della Fiorentina, ma la positività al Covid ha fatto uscire tutto

Marusic positivo
Il Terzino della Lazio Adam Marusic (screenshot notizie.com)

Una vero terremoto. In Montenegro si sta sollevando un vero polverone per i casi di positività all’interno della nazionale. Casi appurati poco prima della sfida con l’Olanda, gara valevole per le qualificazioni ai mondiali in Qatar. Una vicenda che, direttamente, ha coinvolto e sta seguendo anche la Lazio dalla capitale. Per la squadra biancoceleste un problema in più dopo l’infortunio di Immobile, anche perché Sarri perde un altro giocatore importante.

Ma dietro a tutto questo ci sarebbe una festa che non ci doveva essere. Una mega festa in discoteca per festeggiare il trentaduesimo compleanno di Jovetic. Secondo il Portale “PV” parecchi giocatori la sera dell’8 novembre si sarebbero recati alla discoteca “Urban” di Podgorica, dove si stavano esibendo Aleksandra Prijlovic e Barne Mojicevic, due cantanti famosi in Montenegro. E tutto doveva restare nascosto, ma la positività al Covid prima di Jovetic, poi di Marusic e Kosovic poi hanno fatto uscire fuori ogni cosa.

Ora Marusic dovrà restare in quarantena in patria per almeno dieci giorni

Jovetic festaiolo
Il trequartista dell’Hertha Berlino Stefan Jovetic (screenshot notizie.com)

Sempre secondo il Portaòe PV, “una nostra fonte del night “Urban” di Podgorica”, che era in quel bar, durante “l’esibizione di Aleksandra Prijović e Ban Mojićević lunedì 8 novembre, era presente un gruppo molto numeroso di giocatori e membri della nazionale montenegrina, che celebrava il recente 32° compleanno di Jovetić .

A quanto pare, anche lo staff professionale della squadra nazionale che sarebbe venuto a conoscenza di tutto solo il giorno, perché i “giocatori di calcio sono rimasti svegli fino a tarda notte”. Sfortunatamente, in seguito si è scoperto che c’erano persone infette tra gli ospiti, con “le quali i nostri assi del calcio sono entrati in contatto”.