Turkish Airlines e Belavia, clamorosa decisione: polemiche

Clamorosa decisione da parte di due compagnie aeree più famose al mondo come la ‘Turkish Airlines’ e ‘Belavia’: non sono mancate le polemiche a riguardo

Clamorosa decisione di Turkis Airlines
Turkish Airlines (screenshot video YouTube)

Se ne sta continuando a parlare, specialmente sui social network, per quanto riguarda l’ultima decisione da parte della compagnia aerea ‘Turkish Airlines‘ nei confronti dei migranti. Cosa è successo? Hanno deciso che non accetteranno più cittadini che provengono dalla Siria, dall’Iraq o dall’Afghanistan per via della crisi migratoria che si sta verificando tra la Bielorussia e la Polonia. Niente più voli dalla Turchia fino a Minsk. La decisione ufficiale arriva direttamente dalla nazione turca. Questo è quello che si è parlato, ed alla fine concluso, durante un incontro che si è verificato nella serata di ieri.

LEGGI ANCHE >>> Iraq, attentato a primo ministro con drone: il bilancio

Anche perché, almeno per il momento, fonti vicine non hanno parlato assolutamente di una ripresa del servizio. Stessa decisione anche per la compagnia bielorussa ‘Belavia‘ che interromperà i voli anche per i cittadini provenienti dallo Yemen. Questo è quello che è stato deciso dalle autorità di Ankara. Subito dopo il presidente turco Erdogan ha definito “false” le parole del premier Morawicki (Ankara, in accordo con Mosca e Minsk, si muoverebbe per facilitare il traffico dei migranti verso la Bielorussia).

Turkish Airlines e Belavia: la decisione che ha scatenato polemiche

I biglietti che sono stati acquistati dagli stessi iracheni, afghani ed altre persone verranno rimborsati. Una notizia che arriva in un momento molto particolare per via della grave crisi politica ed anche umanitaria che sta colpendo tra la Polonia e la Bielorussia dove molti migranti sono stati bloccati, con la speranza di poter entrare nell’Unione Europea.

LEGGI ANCHE >>> Migranti, il Ministro Lamorgese prende posizione: dichiarazioni durissime

Nel frattempo le autorità irachene fanno sapere che sono disposti a riportare nel paese coloro che si trovano in Bielorussia. Il tutto sarà completamente gratuito. Nel frattempo, almeno 600 iracheni, hanno chiesto un permesso di residenza in Polonia: in questo momento, il governo di Baghdad, sta lavorando affinché i loro diritti vengano tutelati.

Compagnai aerea Belavia
Compagnia aerea ‘Belavia’ (screenshot video YouTube)