Galeazzi, Il ricordo struggente del campione azzurro: “Perdo un amico”

E’ stato per anni la voce del calcio, del tennis e del canottaggio. Giampiero Galeazzi ha inventato un modo tutto suo di raccontare le imprese azzurre. Ecco il ricordo di uno degli atleti a cui era più legato

galeazzi
Il giornalista Giampiero Galeazzi mentre conduceva 90 minuto (screenshot notizie.com)

Con la sua voce e il suo modo unico di commentare le imprese degli atleti azzurri, Giampiero Galeazzi verrà per sempre ricordato come uno dei cronisti più famosi e istrionici. Ha inventato un modo tutto suo di raccontare le gare di calcio, arricchendo i servizi con una serie di interviste che solo lui era in grado di realizzare. Galeazzi sapeva addentrarsi, con scaltrezza e naturalezza, negli spogliatoi delle squadre per far raccontare ai protagonisti le sensazioni pre e post gara. Indimenticabile il servizio relizzato negli spogliatoi dello stadio San Paolo dopo lo scudetto del Napoli, quando ha lasciato il microfono a Maradona che ha intervistato tutti i suoi compagni.

LEGGI ANCHE: Lutto nel giornalismo: muore a 75 anni Giampiero Galeazzi

Ma nella carriera di Giampiero Galeazzi non c’è stato solo il calcio. Il giornalista romano, morto oggi all’età di 75 anni, è stato per anni anche la voce del tennis. Indimenticabili le sue telecronache dal Foro Italico per i match degli Internazionali d’Italia e i racconti delle sfide della Nazionale azzurra in Coppa Davis.

Giuseppe Abbagnale ricorda Galeazzi

Ma il suo fiore all’occhiello, che gli ha regalato popolarità e fama, restano le telecronache del canottaggio. Giampiero Galeazzi è stato per anni la voce di questo sport. Ha raccontato le imprese più esaltanti degli atleti azzurri. Su tutte quelle di Giuseppe Abbagnale, che con il fratello Carmine e il timoniere Giuseppe Di Capua, ha portato a casa due medaglie d’oro alle Olimpiadi e sette titoli mondiali. “La morte di Giampiero Galeazzi è una notizia sconvolgente, mi lascia senza parole”, ha commentato Giuseppe Abbagnale all’Adn Kronos, attuale presidente della Federcanottaggio. Galeazzi verrà per sempre ricordato come il telecronista delle vittorie del famoso due con, che ha regalato prestigio a tutto lo sport italiano.

LEGGI ANCHE: Galeazzi, la telecronaca che resterà nella storia

Giuseppe Abbagnale: “Perdiamo un amico e un professionista”

Abbagnale ricorda con affetto il giornalista romano, con il quale ha condiviso i momenti più belli della sua carriera. “Siamo stati con la figlia pochi giorni fa e avevamo parlato di lui, mi aveva lasciato molto felice il fatto che si stava riprendendo, invece arriva questa notizia. Se ne va la voce storica del canottaggio, nonchè un amico e un personaggio preparato e coinvolgente“, ha concluso Abbagnale.