Covid, allarme in un Paese europeo: ospedali al collasso

E’ allarme Covid in un Paese europeo. Gli ospedali sono al collasso e la situazione è destinata a peggiorare nelle prossime settimane.

Covid Romania
La situazione Covid in Romania è critica (screenshot video YouTube)

Il Covid sta rialzando la testa in Europa dopo mesi di una situazione sicuramente sotto controllo. I contagi sono in rialzo in tutti i Paesi anche se con una velocità diversa e questo è dovuto ai vaccini.

La situazione più critica è quella dell’Est europeo dove il numero più basso di vaccinati ha permesso alla pandemia di riprendere velocità e, soprattutto, minacciare i Paesi più vicini. Un quadro in netto peggioramento e molti governi hanno deciso di ritornare alle restrizioni per cercare di fermare l’aumento dei casi.

LEGGI ANCHE <<< Covid, pugno duro di Berlino sui ‘non vaccinati’: polemiche

Tra i Paesi più colpiti da questa recrudescenza del virus c’è sicuramente la Romania, Stato che negli ultimi giorni sta facendo i conti anche con diversi incendi negli ospedali.

La situazione Covid in Romania

Ospedale Covid
Un ospedale Covid (screenshot video YouTube)

Come detto, la situazione Covid in Romania è molto grave. Negli ultimi giorni è stato registrato un rialzo dei casi e un aumento importante della pressione sui sistemi sanitari tanto che gli esperti hanno parlato di ospedali al collasso e da qui l’invito alle persone a vaccinarsi.

L’aumento dei contagi sembra essere fortemente collegato ad una campagna vaccinale mai realmente partita. Ad oggi sono il 33% della popolazione ha completato il ciclo e sono numeri molto bassi per sperare di mettere fine alla pandemia. L’obiettivo è quello di arrivare al 90% entro la fine del 2023, ma il cammino non è dei più semplici.

LEGGI ANCHE <<< Covid, positivo un cane in Gran Bretagna: cosa significa per la scienza

Come riportato da Open, infatti, la Chiesa ortodossa continua a ribadire la propria posizione No Vax e questo rischia di complicare ancora di più la situazione. Un quadro che, secondo gli esperti, potrebbe peggiorare nelle prossime settimane e da qui l’invito a vaccinarsi il prima possibile e ritornare in tempi brevi a quella normalità ormai persa da diversi anni.