Maltempo Sicilia, crolla il tetto di una scuola e arriva l’appello: “Non uscite”

Il maltempo non dà tregua alla Sicilia: crolla il tetto di una scuola, e il “Non uscite” del prefetto crea apprensione. 

maltempo sicilia
Maltempo in Sicilia, ad Agrigento la situazione più delicata (Youtube)

La Sicilia è ancora in ginocchio, e attende una nuova ondata che rischia di essere pesante. La zona più colpita è l’agrigentino, e le difficoltà sono altissime a Sciacca e Menfi. L’isola al momento è divisa in due. Nella zona orientale l’allerta è gialla, mentre in quella centrale e occidentale è arancione, e i disagi non mancano. A Sciacca è esondato il torrente San Marco, e alcune abitazioni sono state evacuate. I soccorritori sono intervenuti per mettere in salvo una famiglia salita sul tetto a causa dell’imponente massa d’acqua, alimentata anche dai danneggiamenti provocati alla rete fognaria.

Leggi anche: Cortei No Green pass, la palla passa ai Questori: pieni poteri, le novità

Due automobilisti sono invece stati salvati dopo l’allerta. Erano rimasti intrappolati ma i Vigili del fuoco sono intervenuti celermente. Anche a Menfi alcuni abitanti sono rimasti bloccati nelle case allagate d’acqua. A Mazara del Vallo invece alcuni anziani, tra cui un diversamente abile, sono stati messi in salvo dopo l’esondazione del torrente San Bartolomeo. A Catania invece a causa delle infiltrazioni è crollata una parte del tetto di un corridoio al Liceo Boggio Lera, ma per fortuna non ci sarebbero feriti. E intanto il prefetto di Agrigento lancia l’allarme.

Maltempo in Sicilia, il prefetto di Agrigento lancia l’allarme: “Restate chiusi in casa”

maltempo sicilia
Ad Agrigento si registrano danni ingenti (Youtube)

“A tutti gli agrigentini, residenti in ogni paese lancio l’invito a non mettersi in macchina e a non uscire di casa”. Parole di Maria Rita Cocciufa, prefetto di Agrigento, che lancia l’allarme. “La condizione è di grande, grandissimo, rischio – ha affermato – bisogna prestare attenzione”. E in effetti non mancano esondazioni, frane e altri disagi legati all’imponente mole di acqua che crea problemi alle reti fognarie, allargando gli allagamenti e rendendo difficili i soccorsi.

Leggi anche: Reddito di cittadinanza, imponente operazione: record di denunce e frodi

L’allerta meteo intanto è stata diramata fino alla mezzanotte di oggi, in attesa di capire quali siano le evoluzioni. Al momento gran parte del vortice Mediterraneo sta scaricando in mare, ma resta alta la possibilità che si avvicini alle coste, creando pesanti disagi.