Recovery plan, Mattarella fiducioso: “Bisogna cogliere le opportunità”

Recovery Plan, Sergio Mattarella ha discusso a Parma e ha parlato a 360° di questo argomento molto importante. Il capo dello stato è apparso molto fiducioso ed ha assegnato dei ruoli molto importanti ai Comuni

Sergio Mattarella parla del Recovery Plan
Sergio Mattarella interviene a Parma (screenshot video YouTube)

Nella giornata di ieri il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, è intervenuto a Parma nel corso dell’Assemblea da parte dell’Anci (Associazione Nazionale Comuni Italiani). Si è discusso del Recovery Plan Pnrr (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza) e non solo. Queste sono alcune delle sue parole: “Non possiamo permetterci di rimuovere le cautele, per il semplice motivo che davanti a noi abbiamo delle ottime potenzialità. Proprio queste ultime hanno conquistato caratteri di concretezza soprattutto per l’alto valore politico”.

LEGGI ANCHE >>> Quirinale, spunta un profilo a sorpresa: “Il suo nome è sul tavolo”

L’obiettivo primario è quello di riuscire a costruire tutte queste opportunità in realizzazioni. Non solo: anche quello di migliorare il modello sociale. Il pensiero è rivolto sempre ai giovani, con la speranza che per loro il futuro sia roseo e pieno di aspettative. Un appello, poi, ai Comuni che “sono chiamati ad assumere responsabilità non meno importanti del Pnrr).

Recovery Plan, Mattarella: “Pnrr grande opportunità

Le quote consistenti dei progetti inseriti nel Pnrr sono stati assegnati ai Comuni e alle Città metropolitane. Come ha voluto confermare lo stesso Mattarella si tratta di idee che possono migliorare la qualità del vivere e non solo: la possibilità che il nostro Paese possa modernizzarsi, con la speranza che ci sia una crescita nella “capacità di competere e anche nell’esercizio dei diritti“.

LEGGI ANCHE >>> De Benedetti su Berlusconi: “Lui al Quirinale? So cosa fare”. É polemica

In conclusione ha voluto affermare che quando si parla di argomenti importanti come la sostenibilità sociale ed ambientale, lo sviluppo sociale, i piani urbani e le misure per le aree interne devono essere gli artefici del successo in cui si possano legare sia l’innovazione che l’equità.