Vola a Panama con la pensione del marito morto: la denuncia dell’Inps

Madre e figlio decidono di volare a Panama dopo aver intascato la pensione del marito morto. Arriva la denuncia da parte dell’Inps: ora è caccia alle due persone

Inps, volano a Panama con la pensione del marito morto
Inps (screenshot video YouTube)

Ci troviamo ad Ancona dove vi raccontiamo una storia al limite del pazzesco. Una donna di 82 anni insieme a suo figlio di 60 avrebbero deciso di partire, con un biglietto di sola andata, per Panama. Già, perché ancora non si riesce a capire dove siano le due persone. L’unica cosa certa è che hanno intascato la bellezza di 75mila euro grazie alla pensione del marito. Fino a qui nulla di “strano” se non fosse per il fatto che l’uomo è deceduto. Ed è per questo motivo che la Procura di Ancona ha deciso di aprire una inchiesta visto che l’Inps aveva denunciato l’accaduto. Avrebbero intascato ben 14 mensilità che non gli appartenevano assolutamente.

LEGGI ANCHE >>> Squid Game e la criptovaluta, utenti truffati

Adesso i due rischiano grosso: si parla di carcere visto che hanno truffato lo Stato. Negli anni precedenti si sono verificati episodi del genere, ma difficilmente che gli stessi decidono di scappare dall’Italia per andare altrove e non essere rintracciati. La pensione dell’uomo era molto importante: si parlava di 5000 euro al mese. La scomparsa del marito era avvenuta nel mese di giugno del 2013. Quello che si sa è che la persona defunta percepiva due pensioni: una di invalidità civile (dal valore di 300 euro) ed un altra di 4700 per quella lavorativa.

Ancora, fuggono a Panama con la pensione del marito morto

Tanto è vero che alla fine del mese i soldi arrivavano e che prelevavano all’ufficio postale di Jesi, visto che i coniugi avevano un conto corrente in comune. La città è sotto shock ed incredula per quello che è accaduto e per quello che queste due persone sono riuscite a fare truffando lo Stato.

LEGGI ANCHE >>> Reddito di cittadinanza, maxi blitz in 5 regioni: nei guai molti “furbetti”

Dopo che il fascicolo è stato aperto la Procura ha deciso di rinviare il tutto al 21 febbraio del 2022. Questa la decisione del gup Francesca De Palma. Tutto questo per dare spazio all’Interpol di continuare a lavorare su questa assurda vicenda.