Catania, svolta sul detenuto morto a gennaio: la decisione della Procura

Catania, arrivano novità importanti per quanto riguarda la morte di un detenuto nel carcere di Caltagirone: a rivelarle è stata direttamente la Procura. Altre indiscrezioni dal sito ‘TgCom24

Catania, novità della Porcura sul detenuto morto
Catania, detenuto morto (screenshot video YouTube)

Arrivano novità importanti direttamente da Caltagirone (provincia di Catania) per quanto riguarda la morte di un detenuto nel carcere della zona. La scomparsa dell’uomo era avvenuta nei primi giorni del mese di gennaio di quest’anno. Sembrava che il tutto fosse dovuto a delle cause naturali (si era parlato di un malore improvviso), ma a quanto pare non è andata esattamente così. Secondo la Procura la vittima sarebbe stata uccisa. La vittima in questione si chiamava Giuseppe Calcagno ed è stato assassinato. Pare che a porre fine alla sua vita sia stato il suo compagno di cella. Quest’ultimo lo avrebbe strangolato mentre dormiva fino a fargli togliere per sempre il respiro.

LEGGI ANCHE >>> Gigi D’Alessio, i fan restano senza parole: rischia il carcere

Qualche mese dopo il killer aveva lasciato il carcere e posto ai domiciliari nella sua abitazione. Dopo questa clamorosa scoperta il ritorno dietro le sbarre. Ovviamente è indagato per omicidio. Non si conosce il nome dell’uomo, ma i suoi precedenti parlano chiaro: omicidio e tentato omicidio. A decidere del suo arresto, dopo tantissimi studi da parte della scientifica, il procuratore di Caltagirone Giuseppe Verzera e il sostituto Samuela Maria Lo Martire.

Catania, Calcagno fu ucciso: arrestato il compagno di cella

Le forze dell’ordine, poco dopo la nota ufficiale da parte della Procura, è andato nuovamente nell’abitazione dell’uomo non per assicurarsi che fosse in casa ma per mettergli nuovamente le manette e riportarlo in prigione.

LEGGI ANCHE >>> 1727wrldstar esce dal carcere: minacciati altri influencer – VIDEO

L’indagato si trovava in carcere per altri motivi e, poco dopo il suo arresto, venne rilasciato e messo ai domiciliari.