Inzaghi non ci sta: dopo il derby arrivano critiche ai calciatori

Simone Inzaghi non è soddisfatto del pari nel derby: alcuni errori hanno fatto arrabbiare il tecnico che potrebbe chiedere qualcuno sul mercato di gennaio.

inzaghi derby
Simone Inzaghi, bicchiere mezzo vuoto dopo il derby (Youtube)

Li ha scelti uno per uno, anche Calhanoglu, che per la sua voglia di rivalsa è stato mandato in campo al posto di Vidal. Fuori un macina palloni e chilometri, dentro l’ex avvelenato, che si è preso il rigore festeggiando davanti ai suoi ex tifosi. Inzaghi le ha provate tutte per vincere il derby, e se Pioli al novantesimo ha parlato di “bicchiere mezzo pieno”, il collega nerazzurro non è sembrato per niente soddisfatto. Più dei singoli forse che nell’atteggiamento di una squadra come sempre desiderosa di lottare per i tre punti. La differenza però, l’hanno fatta proprio le individualità, e per Inzaghi qualcuno doveva dare di più.

LEGGI ANCHE >>> Ira tifosi Roma su Mou, ma che dici? Peres e Juan Jesus, e Pedro allora?

Persa quindi l’occasione per accorciare in classifica, l’allenatore ha lanciato messaggi davanti i microfoni. Serve un pizzico di precisione, maggiore concentrazione, perché in partita incerte è il dettaglio che fa la differenza. E in quelle parole pronunciate senza voce ma con concetti chiari, l’allenatore potrebbe aver lanciato timidi messaggi per provare magari sul mercato ad aggiungere nuove pedine al suo scacchiere.

Inzaghi ha qualcuno nel mirino: “Meritavamo noi, ma perdiamo punti per colpa nostra”

calhanoglu
Calhanoglu esulta dopo il gol al derby (Youtube)

La differenza di valori in campo non si è notata, ma in classifica è netta. L’Inter insegue due squadre, e l’occasione di accorciare sul Milan, approfittando anche del mezzo passo falso del Napoli, è stata gettata alle ortiche. Ha fatto tutto l’Inter giudicando tabellino e match di ieri. Un rigore trasformato, un autogol, poi un altro sbagliato. E questo dato a Inzaghi non va proprio giù. “Meritavamo noi – ha sottolineato – ne sono più che convinto, ma non mi è piaciuto l’inizio. Abbiamo approcciato male, perché il Milan devi farlo correre. Non lo abbiamo fatto in principio e alla fine, ma resto del parere che ai punti avremmo dovuto vincere”. 

Leggi anche: Roma, adesso è crisi: Mourinho ko anche col Venezia. Ed ora?

É mancato qualcosa quindi, forse proprio quel rigore sbagliato. “Credo che con Milan e Juve abbiamo perso punti, ma penso anche ai due rigori. Pareggiare con i rossoneri e con l’Atalanta, squadre molto forti, e sbagliare rigori gettando alle ortiche le occasioni non può far piacere. Davanti viaggiano ad un ritmo altissimo, non possiamo permetterci di sbagliare nulla”. Ora la pausa, poi campionato e Champions in attesa del mercato, e di qualche altra dichiarazione che potrebbe lanciare segnali più diretti alla società. Inzaghi punta dritto allo scudetto, ma chiede meno errori. E forse qualche pedina che possa definitivamente avvicinare la sua squadra alle prime della classe.