Quirinale, spunta un profilo a sorpresa: “Il suo nome è sul tavolo”

La corsa al Quirinale entra nel vivo. E nelle ultime ore sembra prendere corpo la candidatura di un ex premier.

Quirinale post Mattarella
Il cortile interno del Quirinale (screenshot video YouTube)

Tra Silvio Berlusconi e Mario Draghi potrebbe spuntare un nome a sorpresa. Nonostante le continue frenate da parte del Pd, la discussione sembra essere destinata ad entrare nel vivo e già nelle prossime settimane potrebbero avvenire degli incontri per capire se ci potrà essere un nome in comune già alla prima votazione oppure si dovrà andare avanti per qualche giorno in più.

I nomi, come detto, sono diversi, ma nelle ultime ore sta prendendo piede il nome di Giuliano Amato. Fonti dei dem, riportate da La Repubblica, hanno confermato che il profilo dell’ex premier è sul tavolo e per questo motivo nei prossimi giorni potrebbero esserci importanti novità. Mesi decisivi visto che il voto è previsto il prossimo marzo.

LEGGI ANCHE <<< M5S, sorpresa Di Battista: in arrivo una grandissima novità

Mario Draghi sempre più lontano dal Colle

Mario Draghi Quirinale
Mario Draghi tra i candidati per il post Mattarella (screenshot video YouTube)

Chi sembra essere più lontano dal Colle è Mario Draghi. Il nome del premier ormai da diversi mesi è accostato dai giornali per il post Mattarella al Quirinale, ma i partiti sembrano avere idee completamente diverse. Dal Pd alla Lega passando anche per Iv e Forza Italia hanno ribadito la necessità della presenza dell’attuale presidente del Consiglio a Palazzo Chigi.

LEGGI ANCHE <<< De Benedetti su Berlusconi: “Lui al Quirinale? So cosa far”. É polemica

Per questo motivo prendono forza gli altri nomi e nelle ultime ore Giuliano Amato sembra essere balzato in prima fila. Il dottor Sottile potrebbe essere il candidato giusto per il Pd e nei prossimi giorni su questo ci potrebbero essere degli incontri tra i dem e gli altri partiti della propria coalizione per arrivare ad un accordo.

Resta da convincere Italia Viva. Nel 2013, infatti, Matteo Renzi decise di puntare su Mattarella e non Amato. Per questo l’ex premier potrebbe non essere pienamente convinto dal nome proposto dal Pd, ma sono in corso gli approfondimenti e presto ci saranno novità.