Lutto nel mondo del calcio: il Milan piange la scomparsa di Maldera

Grave lutto che ha colpito il mondo del calcio: è scomparso all’età di 75 anni l’ex calciatore del Milan, Luigi ‘Gino’ Maldera

Morto Gino Maldera
Gino Maldera (screenshot video YouTube)

Bruttissima notizia per tutti i tifosi del Milan e gli appassionati di calcio: è scomparso all’età di 75 anni l’ex calciatore Luigi ‘Gino’ Maldera. Cresciuto nelle giovanili del club rossonero, ha militato con la maglia del ‘Diavolo’ per quattro anni in prima squadra (1965-66 e 1968-71). Per ben quindici anni invece, dopi aver appeso le scarpette al chiodo, ha guidato le giovanili del club rossonero dal 1982 fino al 1997. Successivamente è diventato istruttore nelle scuole calcio gemellate proprio con il club di via Aldo Rossi.

E’ il fratello maggiore del compianto Aldo (ex difensore del Milan, Roma e Fiorentina) scomparso nel 2012 e di Attilio (anche lui è stato un difensore ed ha giocato per Milan, Cesena, Alessandria, Bari e Sant’Angelo).

Da calciatore ha rappresentato quei colori in 72 occasioni siglando ben tre reti. Di ruolo difensore, ha sollevato al cielo anche la Coppa dei Campioni e una Coppa Intercontinentale nel 1969. Non ha vestito solamente la maglia del Milan nella sua carriera calcistica, ma anche quelle di: Verona, Monza, Catanzaro e Piacenza. Ha chiuso la carriera nel Seregno dove ha militato per tre anni.

LEGGI ANCHE >>> Serie A, da questa sera nuovo “look” sui campi di calcio – FOTO

Lutto nel calcio, morto Luigi ‘Gino’ Maldera

Morto Gino Maldera, ex difensore Milan
Gino Maldera (screenshot video YouTube)

Una bruttissima notizia per il mondo rossonero a due giorni dall’importantissimo Derby valido per la dodicesima giornata del campionato di Serie A contro l’Inter di Simone Inzaghi.

LEGGI ANCHE >>> Riparte la Serie A prima dello stop nazionali: quarto esonero in arrivo?

Almeno per il momento non è stato enunciato alcun comunicato da parte della società. Maldera era voluto bene da tutto l’ambiente visto che si presentava al lavoro con il sorriso e gli piaceva molto lavorare con i giovani. Non è da escludere, a questo punto, che gli uomini di Pioli domenica sera possano giocare anche con il lutto al braccio e fare un minuto di silenzio in sua memoria.