Ddl Concorrenza, Draghi ed il suo governo danno l’ok: tutte le informazioni

Ddl Concorrenza, il premier Mario Draghi insieme al suo governo hanno dato il proprio via libera. Tutto quello che serve sapere in merito alle parole che sono state riferite nella giornata di ieri

Ddl Concorrenza, via libera di Mario Draghi
Ddl Concorrenza, il premier Mario Draghi ha dato il suo via libera (screenshot video YouTube)

Il presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha rilasciato alcune dichiarazioni importanti nel corso del Consiglio dei Ministri sul Ddl Concorrenza che è stata ufficialmente presentata. Ci ha tenuto a ribadire che in passato i governi italiani hanno preso due strade per quanto riguarda proprio la concorrenza. Altri hanno provato di cercare delle misure ambiziose senza, però, trovare il consenso da parte dei politici. La maggior parte di questi provvedimenti, però, non è stato accettato. Ce ne sono stati altri, invece, che hanno messo da parte la questione. Non solo: ha voluto ricordare che dal 2009 fino ad ora è stata accettata solamente una volta (2017, ndr).

LEGGI ANCHE >>> Cashback, non è finita: in arrivo un nuovo sistema

L’obiettivo del suo nuovo governo è quello di “avviare una operazione di trasparenza: dalle spiagge fino ad arrivare alle acque minerali e termali ed alle frequenze“. In questo modo i cittadini avranno la possibilità di vedere, con i propri occhi, quanto paga ogni concessionario la sua attività. La speranza, sempre quanto riporta il premier Draghi, è che vengano adempiti tutti gli obblighi che erano stati assunti prima con il ‘Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza‘.

Ddl Concorrenza, Draghi: “Operazione trasparenza

E’ stata approvata anche una delega per il “riordino dei servizi pubblici e locali ed una per i servizi di mobilità urbana non di linea“. Per quanto riguarda la salute sono state apportate delle modifiche sui criteri di accreditamento e di convenzionamento da parte delle strutture private. Non solo: anche le modalità della dirigenza medica.

LEGGI ANCHE >>> Lotta al Covid, svolta in arrivo: dal Regno Unito una grande novità

Infine, ha concluso, ha dichiarato che la concorrenza non ha nessuna intenzione di fermarsi a questo disegno di legge e che si tratta di un “obiettivo trasversale a tutta la politica economica del Governo“.