L’INDISCREZIONE di Notizie.com – La Roma di Mou non va, ecco la verità

Clamorosa indiscrezione di Notizie.com su quello che succede a Trigoria ogni giorno, piccole crepe e qualche giocatore top inizia ad avere i primi mal di pancia sul lavoro del tecnico

Mourinho boom
IL tecnico della Roma Josè Mourinho mentre parla in conferenza (screenshot notizie.com)

La Roma gioca male, non convince e stenta a decollare. I motivi possono essere diversi, dall’ambiente alle aspettative al mercato fino ad arrivare alla qualità dei giocatori. Ma c’è dell’altro, qualcosa che non t’aspetti, soprattutto se a guidare la squadra giallorossa è uno dei tecnici più titolati al mondo anzi, probabilmente in attività è il più titolato. Ma quello che sta accadendo da qualche mese ormai, è quasi strabiliante.

Da luglio, l’inizio del ritiro, fino ad oggi, l’appeal di José si sta piano piano diminuendo. Un po’ nell’ambiente, ma soprattutto all’interno della squadra. Già perché più di qualche giocatore importante non sembra più tanto convinto del lavoro che si fa quotidianamente. L’allenatore portoghese parla, incita, stimola e carica ogni singolo calciatore, ma riguardo al lavoro sul campo è pressoché mediocre. Tanta intensità, tanta corsa, diversi esercizi atletico-fisici, ma niente, nulla di tattica, se non qualche tegola base. E più di qualcuno sta cominciando ad avere seri dubbi sulle capacità e sulle competenze tecnico-tattiche di Josè.

Veretout e Mkhitaryan spaesati in campo, spesso girano a vuoto

Veretout perplesso
Il centrocampista della Roma Veretout mentre parla in conferenza (screenshot notizie.com)

A Trigoria ci sono diversi giocatori che non riescono a far vedere il loro reale valore. In campo, durante gli allenamenti, non si lavora minimamente su schemi o si fanno esercizi legati alla tattica per impostare un lavoro o preparare al meglio una partita. Molto è lasciato al caso e alla carica psicologica di Mourinho. Un po’ troppo poco per qualche giocatore di livello ed esperienza che si aspettava qualcosa di diverso. Basta vedere le partite della Roma e capire di cosa si parla, con una squadra che fa un pressing anomalo e senza un’idea di base.

Giocatori che non sanno dove andare e cosa fare. Mou, forse, pensa che sia qualcosa di secondario, magari è per questo che spesso si confronta con i suoi fedelissimi come Mancini, Pellegrini,  Cristante e Rui Patricio. Con loro parla di tutto (i primi tre sono anche i sindacalisti della squadra ovvero i leader e coloro che discutono premi in soldi e altro con la società) ma tranne di questo. Si informa come è l’atmosfera dentro lo spogliatoio prima e dopo una partita. Josè tira fuori la grinta, dialoga con tutti i suoi giocatori, ma riguardo alla tattica poco o niente o quasi zero. E questo si vede sul campo. Partita dopo partita. E le crepe che ora sono minuscole, potrebbero diventare dei massi enormi e travolgere tutto.