Ha finto di vaccinare centinaia di bambini: stangata per l’infermiera

L’infermiera ha finto di vaccinare centinaia di bambini: arriva la pesantissima richiesta della Corte dei Conti. 

infermiera finto vaccinare bambini
L’infermiera ha finto di vaccinare i bambini (Youtube)

L’infermiera no vax pagherà a caro prezzo la decisione, prettamente personale, di non vaccinare i bambini nella sua lunga esperienza all’Asl fiulana. I fatti risalgono agli anni dal 2009 al 2015. I colleghi si erano accorti di alcune anomalie, non solo durante le ore di lavoro, ma anche nei dati che hanno inchiodato l’infermiera. In sostanza su 129 bambini vaccinati da Emanuela Petrillo, solo 20 hanno sviluppato la risposta immunitaria, mentre per 109, circa l’85% l’esito è stato negativo.

E tali dati, confrontati con quelli di altri colleghi, hanno cementato i sospetti. Su 80 bambini vaccinati da altri operatori, per 74 l’esito è stato positivo, e solo 6 non hanno sviluppato alcuna risposta. I numeri hanno quindi fatto scattare l’indagine ed un processo partito nel 2019.

Ha finto di vaccinare i bambini: dovrà risarcire una somma da record

vaccino
Stangata per l’infermiera che ha finto di vaccinare i bambini (Youtube)

La vicenda sta facendo il giro del mondo, e anche per questo la richiesta della Corte dei Conti è da record. La donna deve rispondere di peculato, omissione d’atti d’ufficio e falsità in certificati. Proprio per questo, in attesa della sentenza del tribunale di Udine, che si esprimerà a febbraio, a Manuela Petrillo è stato imposto un risarcimento danni di 550mila euro. 

Leggi anche: Caso Puzzer, il duro intervento di Lollobrigida alla Camera – VIDEO

“Siamo al cospetto di un esempio di giustizia celere – ha affermato il legale – che, a differenza di ciò che accade in Veneto, noto spesso nella magistratura del Friuli Venezia Giulia”. L’infermiera però continua a rifiutare le accuse, ma per la Corte dei Conti ha agito con dolo, e in un momento in cui il tema vaccini è fortemente d’attualità, il maxi risarcimento e la velocità nelle sanzioni sono di sicuro motivate anche da questo.