Reddito di cittadinanza, maxi blitz in 5 regioni: nei guai molti “furbetti”

Reddito di cittadinanza, maxi blitz da parte dei carabinieri in cinque regioni italiane: nei guai ci sono tantissimi “furbetti” che intascavano soldi e truffavano lo Stato

Reddito di cittadinanza, maxi blitz dei carabinieri
Carabinieri (screenshot video YouTube)

Maxi blitz dei carabinieri in cinque regioni di Italia: Campania, Puglia, Abruzzo, Basilicata e Molise. In queste zone sono stati scoperti ben 4.839 “furbetti” che intascavano il reddito di cittadinanza senza averne alcun diritto. Basti pensare che la cifra in cui lo Stato è stato truffato è assurda: si parla di quasi 20 milioni di euro. Basti pensare che nelle province e nel centro di Napoli sono state individuate 2.441 persone. Non è nemmeno questo il punto: tra questi spuntano anche camorristi, parcheggiatori abusivi, rapinatori, lavoratori in nero, ecc. C’è chi, addirittura, ha mentito di avere figli a carico per avere bonus.

LEGGI ANCHE >>> Ferrara, vergognosa aggressione omofoba a ragazzini – VIDEO

Sempre nel napoletano sono state denunciate persone che sono affiliate con clan camorristici. Tra queste anche le mogli di boss. Basti pensare che c’è chi è riuscito ad intascare dai 6mila fino ai 19mila euro. Sempre in provincia di Napoli (precisamente a Castellammare di Stabia) un 46enne si è finto straniero. Sì, precisamente bulgaro pur di ottenere il sussidio che non gli spettava assolutamente. Una persona che era già nota alle forze dell’ordine dove gli è stato notificato un ordine di arresto.

Anche se a spiccare c’è un uomo che riceveva il sussidio (per quasi un anno e mezzo) nonostante fosse agli arresti domiciliari. Oltre ad essere stato bloccato il beneficio riceverà una bella denuncia per truffa aggravata ai danni dello Stato.

Reddito di cittadinanza, invenzioni magnifiche pur di riceverlo

Infine in provincia di Lecce (Collepasso) una persona ha dichiarato la presenza, nella sua famiglia, di sei bambini stranieri. Fino a qui nulla di strano, se non fosse per il fatto che non era assolutamente vero.

LEGGI ANCHE >>> In Olanda il Covid fa paura: la decisione del Premier e il duro appello

Non solo: un’altra famiglia ha inserito, nel proprio nucleo familiare, la presenza di altre persone (che in realtà vivono all’estero in Germania). A chiudere il cerchio un uomo, sempre nel napoletano, che si è registrato in ben due nuclei familiari ricevendo così un doppio sussidio.