Assisi, ruba scarpe in un negozio: tutta colpa del…vaccino

Assisi, ruba le scarpe in un negozio. Una volta che è stata fermata dai carabinieri ha confessato che la colpa è stata del…vaccino

Assisi vaccino
Vaccino (screenshot video YouTube)

Ha dell’incredibile quello che è accaduto in Umbria, precisamente ad Assisi, dove una donna è stata fermata dai carabinieri dopo che prima aveva compiuto un furto. Quest’ultimo si è verificato in un negozio di scarpe. Non è per nulla finita qui visto che la stessa donna si è voluta giustificare con le forze dell’ordine in una maniera del tutto nuova e che nessuno, prima ad ora, aveva usato. In primis ha raccontato di non essersi resa conto della sue azioni, ma a tutto c’è una spiegazione. Quale? Tutta colpa del vaccino. No, non è uno scherzo: lo ha detto realmente.

LEGGI ANCHE >>> Australia, ritrovata la piccola Cleo Smith: in manette un uomo

Poche ore prima del furto si era sottoposta alla somministrazione del vaccino contro il Covid poco distante dal negozio. E’ stata denunciata dai militari, a piede libero, ovviamente per furto. Coloro che lavorano all’interno della rivendita, però, avevano notato qualcosa di strano nella donna che provava più paia di scarpe e che continuava a girovagare per il negozio. Un atteggiamento che ha insospettito non poco gli addetti ai lavori che hanno deciso di chiamare i carabinieri che si sono recati immediatamente sul posto.

Assisi, dopo il vaccino ruba scarpe in negozio: denunciata

Secondo quanto riportano alcune fonti vicine al luogo dove è accaduto il furto pare che la donna aveva nascosto un paio di scarpe all’interno della sua borsa, cercando di sfuggire sia agli occhi delle telecamere che a quelli di coloro che lavorano nel negozio.

LEGGI ANCHE >>> Reddito di cittadinanza, maxi blitz in 5 regioni: nei guai molti “furbetti”

Anche perché non ha considerato il fatto che ha fatto scattare l’allarme antitaccheggio. Subito dopo l’arrivo delle forze dell’ordine la colpevole ha consegnato la merce che aveva rubato ed è andata direttamente in caserma per le pratiche della denuncia. Una brutta figura in tutti i sensi.